Le landing page rappresentano uno strumento molto potente di conversione, se usate in modo efficace.

Ma prima di scoprire le strategie per aumentare le conversioni di una landing page, vediamo cosa si intende per landing page ad alto tasso di conversione.

Cos’è una landing page ad alto tasso di conversione?

Secondo le ricerche di Wordstream, una delle principali agenzie di advertising online statunitensi, il tasso di conversione varia in funzione dei mercati, ma per chi fa pubblicità tramite Adwords in media si aggira tra un 2% e un 5% (vedi figura iniziale).

Una volta considerati questi dati, iniziamo a vedere le sette strategie che possono aiutarti a migliorare la conversione delle tue landing page.

1. Incentiva i tuoi visitatori con un’offerta irresistibile

Come incentivare i visitatori

Come puoi notare nell’esempio in figura, Vitacost propone un’offerta che punta a chiudere un accordo immediatamente. Il 10% di sconto che appare sotto forma di pop-up è un ottimo incentivo all’acquisto, soprattutto perché non è una proposta fatta anche dai concorrenti.

Inoltre, la pagina comunica all’utente in maniera pulita e ben focalizzata il vantaggio per lui/lei: risparmia fino al 37% sui cibi organici. L’offerta specifica vende di più rispetto a una generica, a maggior ragione se inserita in questo livello granulare del sito web.

Infine, un ottimo spunto è quello di dare ai visitatori qualcosa che possono usare subito.

2. Limita le scelte

Landing page Wrike: limita le scelte

In questo esempio di project management software, Wrike porta il minimalismo all’estremo. Capita spesso che quando si parla di software si offrano varie scelte, ma in questo caso Wrike limita l’offerta a un’unica scelta a dieci dollari al mese, pagati annualmente, con un piano gratuito disponibile. Usano poco testo, andando dritto al cuore di ciò che vogliono proporre.

In questo caso non seguono la procedura consigliata per una pagina orientata alla lead generation, ovvero evidenziando i vantaggi dell’offerta, una lista di piani disponibili e un form da compilare.

D’altro canto vediamo come questa pagina punti molto su altri fattori fondamentali per una landing page efficace, ovvero la cosiddetta hero image (l’immagine evocativa sullo sfondo), la certificazione Gartner in alto a destra e sui loghi dei clienti prestigiosi nel footer.

3. Dai un tratto più leggero alla tua assistenza clienti

Landing American Eagle

Una live chat non rappresenta niente di innovativo, ma in questo caso American Eagle la propone in un modo meno invasivo rispetto a tanti altri. Non provi un certo fastidio quando ti compare il pop-up di assistenza in basso a destra, senza che tu lo abbia richiesto, e non sai come toglierlo di mezzo? In questo caso, se cerchi “men’s short”, la live chat è praticamente invisibile, seppur presente, nel caso tu abbia bisogno. Poi devi fornire la tua mail per poterne usufruire, ma mi sembra un ottimo scambio, giusto?

Altra cosa interessante: un header ampio che mette in evidenza l’accurata selezione di immagini.

4. Proponi un test guidato

Webex: landing con test guidato

Questa landing page di Webex su un software per i webinar viene proposta come un test guidato.

Puoi sia segnarti singolarmente sia come gruppo, per vedere il prodotto in azione prima di decidere se comprarlo. Questo approccio pratico ti aiuta a comprendere al meglio i vantaggi che potrebbe offrirti il software nel tuo lavoro, ovvero la leva fondamentale per chiudere una vendita.

Il form è leggermente lungo per i miei gusti e potrebbe essere migliorato secondo le direttive qui descritte.

Inoltre da notare anche i tre vantaggi del prodotto bene in evidenza, al termine dei quali Webex riporta il numero di webinar dell’ultimo mese. Questo dato rafforza la credibilità dell’offerta e rientra nella in quella che Robert Cialdini chiama “social proof” (prova sociale) nel suo libro Influence: The Psychology of Persuasion (Lettura caldamente consigliata, nonostante sia pre-internet).

In questo libro Cialdini sostiene che la prova sociale — ovvero il fatto che altre persone stano usando o comprando il prodotto – aiuta i nuovi potenziali clienti a sentirsi maggiormente a proprio agio nella decisione di acquisto, sapendo che molte altre persone hanno fatto quella scelta prima di loro.

5. Porta una prova sociale in tempo reale

Landing timberwolf: pop-up con ordini in tempo reale

In modo similare al conteggio aggiornato della Webex, la Timberwolf Bay, un’azienda di accessori vintage per la casa, mostra in tempo reale gli ordini che vengono effettuati. Puoi vedere da dove stanno comprando le altre persone e cosa stanno comprando.

Questa piccola funzionalità aumenta la fiducia nell’azienda perché, per riprendere Cialdini, implica che le persone come te stanno comprando dal loro sito. Chi ha voglia di essere l’unico acquirente? Poi, diciamocelo, è carino spiare i pop-up degli ordini altrui 😉

Altro esempio di questa strategia di conteggio in tempo reale è quella adottata da Zingerman (la vedi qui sotto), un negozio alimentare nel Michigan, con l’unica differenza che l’aggiornamento è inserito nel footer.

ziengerman landing con esempio di conteggio ordine in tempo reale

6. Usa la scarcity e la urgency come motivatori

Timberwolf landing: scarcity

In questo esempio ritroviamo l’azienda Timberwolf Bay che sfrutta molto abilmente un altro dei principi cardine di Cialdini: la scarcity.

Ti trovi sulla pagina dove ti mostra le automobili disponibili e se hai intenzione di comprare la “B.B. Korn Race rossa”, fai attenzione, ne sono rimaste soltanto otto. Se poi volevi la lampada a fisarmonica “Headlight”, sei arrivato tardi.

Vedere l’aggiornamento della quantità prodotti in tempo reale ti porta ad acquistare il prima possibile.
Mostrare che un accessorio è andato sold out implica che:

  • la tua azienda vende molti prodotti;
  • i visitatori devono sbrigarsi perché i prodotti vengono venduti rapidamente.

La scarcity incentiva le persone a comprare perché tutti odiamo perdere un’occasione.
Insieme al concetto di scarcity, vediamo la urgency (urgenza). Quando sappiamo che uno sconto finisce presto, siamo più propensi a comprare piuttosto che ad aspettare.

Nell’esempio sotto, Gilt rende benissimo l’idea di urgenza con un timer che esegue un conto alla rovescia, per far sapere alle persone che il saldo è prossimo alla fine, dunque è meglio se ne approfittano, finché sono ancora in tempo:

Landing Gilt: urgency

7. Mostra il valore

Landing Eastbay: valore del prezzo scontato

A tutti piace fare un affare, e in questa pagina Eastbay compie un ottimo lavoro sottolineando come hanno tagliato il prezzo su quelle scarpe.

Se Eastbay avesse semplicemente mostrato il nuovo prezzo, un visitatore non avrebbe avuto un metro di paragone. Adesso invece, un cliente potenziale può pensare “wow, questo sì che è un affare da non perdere”. Alla peggio si segnerà la pagina per comparare il prezzo su altri siti.

Altro valore mostrato chiaramente: la spedizione gratuita ben in evidenza nell’header, così da offrire all’utente un ulteriore incentivo all’acquisto.

Ricordati di mostrare sempre il valore.

Landing page ad alto tasso di conversione: considerazioni conclusive

Questi sono solo alcuni esempi di landing page che vanno oltre le tattiche base di una strategia efficace su questo tipo di strumento di marketing. Le modalità di creazione delle landing page evolvono in continuazione e come digital marketer dobbiamo sempre testare per comprendere ciò che funziona davvero.

Facciamo due chiacchiere sui tuoi progetti web!

Articolo tradotto da: Wordstream, 7 Strategies for High-Converting Landing Pages


Di | 2016-12-01T23:08:26+00:00 30 giugno 2016|Weblog|0 Commenti

Qualche cenno sull'autore:

Laureato in Discipline Semiotiche, dal 2010 ho approfondito la passione per la scrittura sul web e le derive SEO user oriented. Web marketer e Social Media Manager con una predilezione per gli obiettivi S.M.A.R.T.E. Esploratore convinto di traiettorie di significazione sempre nuove.

Scrivi un commento